Inventiamo un gioco, l'inizio

giochi di tutti i tipi, dalle carte a WOW

Inventiamo un gioco, l'inizio

Messaggioda Stea » sab 14 gen 2006, 10:03

Gioco da tavolo con ambientazione fantasy o verosimile-storico.

Potrebbe essere sulla falsa riga di un Heroquest o Talisman tanto per darci un'idea, o addirittura Fuoco di Bordata (tipo quello dei pirati con le barchette).

Bisogna pensare a quanto debbano avere influenza sul gioco:
il tabellone
le pedine
i dadi
le carte
Ad esempio su Heroquest tutti questi elementi sono importantissimi, mentre su Fuoco di Bordata le carte non ci sono.
Inversamente, su Heroquest qualsiasi sia il tabellone influirà comunque meno sulla storia o sull'avventura rispetto a un Fuoco di Bordata, dove un fondale marino e l'orografia del territorio possono favorire le strategie di una nave di un certo tipo rispetto a una nave di un'altro tipo.

Percui bisogna definire lo scenario di gioco e il genere di pezzi cercando di inventare qualcosa che non ci sia gia'.
A me su due piedi viene in mente un bel gioco basato sui miti greci, magari dove il giocatore scelga di essere un dio (con particolari abilita') e debba muovere armate o eroi... buh :)
Il diavolo fa le pentole, che io gli progetto e con l'acciaio che gli fornisco.
E' più difficile che un cammello passi per cruna di un ago, che riesca a passarci io.
Chris Benoit e Eddy Guerrero: leggende sempre.
There is no peace among the stars.
Avatar utente
Stea
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggi: 589
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 20:52
Località: Zena Tower Dungeon

Messaggioda Nico » sab 14 gen 2006, 12:19

Metto le mie esperienze:

Coloni: tabellone che è praticamente nuovo ogni volta e dadi importanti.. però lo giocherei all'infinito
Carcassonne: non ci ho ancora giocato :roll: (fido in stasera) con tabellone che si crea man mano e niente dadi..
Monopoli: tabellone statico e dadi importanti, ma anche le carte, i soldi, ecc.
Risiko: tabellone statico e dadi importantissimi, le carte non sono così importanti, va a fortuna.. dopo un po' mi stufa

Sarei per un tabellone non statico se possibile o almeno che non sia restrittivo e permetta di variare sempre o almeno spesso.
I dadi si possono anche sostituire con qualcosa d'altro.. io farei come su Trono di Spade, dove la sequenza è data da girare 3 carte da 3 mazzi distinti. E' come un tiro di dadi in fondo solo che da molte più possibilità e indirizza il gioco.

A Lucca sono rimasto affascinato dalla partita di Build che ho visto fare da alcuni di voi.. ci sono giochi che a un certo punto sai già come andrà a finire e se stai perdendo ti scazzi perchè sai che comunque non hai possibilità... invece un gioco dove anche nella peggiore delle ipotesi si può vincere (come nella migliore si può perdere) mi intriga.

My 2 and a half cents.
I miei amici immaginari mi hanno abbandonato perchè i loro amici non credono che io esista..

And somewhere out there, some asshole has my sword.
(George R.R. Martin - 27 ottobre 2008)
Avatar utente
Nico
Il Signore dei Canguri
Il Signore dei Canguri
 
Messaggi: 1639
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 1:42
Località: Patavium

Messaggioda Stea » dom 17 set 2006, 18:29

stay tuned 8)
Il diavolo fa le pentole, che io gli progetto e con l'acciaio che gli fornisco.
E' più difficile che un cammello passi per cruna di un ago, che riesca a passarci io.
Chris Benoit e Eddy Guerrero: leggende sempre.
There is no peace among the stars.
Avatar utente
Stea
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggi: 589
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 20:52
Località: Zena Tower Dungeon

Messaggioda MrAneddoto » ven 22 set 2006, 22:37

mi permetto di darvi alcuni parametri che magari potete considerare :)

Pensate a che tipo di gioco volete fare :) gioco di carte? da tavolo? pocket (ovvero trasportabile?)? di ruolo (perché no? :P )? Chiaramente l'uno non esclude l'altro (esiste Puerto Rico e San Juan, e San Juan non è altro che la versione di carte dello stesso ;) ). Non è escluso che vi presenterete da un editore con un gioco di carte e vi dirà: ma questo con un tabellone fatto così così cosà come viene? ce la fate a cambiare le regole in tal senso?

Scegliete il target a cui si deve rivolgere: gamers, bambini, gioactori occasionali, tutti? beh... le meccaniche del gioco e il livello di strategia influisce su queste cose. Un gamer preferirà la strategia e storcerà il naso al dado (casualità), mentre preferirà che tutto dipenda esclusivamente dalle sue scelte o da quelle dei vicini :) Ai bambini un gioco caotico piacerà di più, mentre i giocatori occasionali voglion divertirsi :P Se poi viene fuori il gioco geniale che prende tutti i target meglio no? ;)

Un gioco va testato testato e testato, possibilmente con persone diverse, e in diverso numero :) Cercate di bilanciare il gioco alche usando le leve del numero di carte :)

Non vi preoccupate della grafica, a meno che non volete proporre la grafica che volete fare :) in genere ci pensa l'editore a questo :)

Riguardo alla componentistica, vi dò alcune dritte:
i dadi costano :P
le componenti in legno costicchiano :P :P (poi dipende dalle componenti eh...)
Per le carte esistono formati standard dei fogli: in generale le tipografie stampano in 55esimi o in 110imi.

Se avete domande fate pure :)
"si sforza di sentire un sussurro colui che si rifiuta di ascoltare un grido."
già, anche io ho un blog
Avatar utente
MrAneddoto
Leggenda marsupiale
Leggenda marsupiale
 
Messaggi: 670
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 18:44
Località: near Pisa


Torna a La ludoteca

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron